Loading

Mario Batkovic: La fisarmonica di "Red Dead Redemption 2"

Ginnastica culturale

Tutti i video

Ayn Rand, icona dell'ultracapitalismo

Ginnastica culturale

La coreografa che decolonizza la danza

Ginnastica culturale

Perche non viviamo in 'case-bolla'?

Ginnastica culturale

Corita Kent, la suora pop

Ginnastica culturale

I laser e la fantascienza: una storia d'amore

Ginnastica culturale

La strana faccia dei leoni medievali

Ginnastica culturale

E se l'e-sport fosse nato nel 1972?

Ginnastica culturale

L'uomo che volle diventare Dracula

Ginnastica culturale

Mario Batkovic: La fisarmonica di "Red Dead Redemption 2"Ginnastica culturale

In programmazione dal 27/03/2019

”Un po’ jazz e un po’ pazzo, classico e sperimentalista, molto balcanico”. Mario Batkovic, bosniaco cresciuto a Berna, in Svizzera, rifiuta qualsiasi categorizzazione. La nuova star della fisarmonica in Europa riempie sia le chiese che i centri sociali, e la sua musica è diventata celebre tra milioni di gamer da quando ha realizzato la colonna sonora di "Red Dead Redemption 2". E se la fisarmonica fosse lo strumento del futuro?

Durata :

6 min

Disponibile :

Dal 07/01/2020 al 20/02/2024

Genere :

Documentari e reportage

Ti potrebbe interessare anche

Le statue greche non erano bianche

Ginnastica culturale

Germania (1/5)

Girlhood, le donne del rap

La coreografa che decolonizza la danza

Ginnastica culturale

Perche non viviamo in 'case-bolla'?

Ginnastica culturale

Carolyn Carlson: ballando a piedi nudi all'Opéra

Ginnastica culturale

Ayn Rand, icona dell'ultracapitalismo

Ginnastica culturale

Sudafrica (2/4)

Girlhood, le donne del rap

Francia (3/4)

Girlhood, le donne del rap

I video più visti su ARTE

Abbracciare la propria sessualità

Filosofia

I nuovi poveri: la fine della classe media europea

Il mondo secondo Xi Jinping

Geo Reportage

Los Angeles: le regine del lowriding

Glutine: il nuovo Nemico Pubblico?

"The Tree", di Carolyn Carlson

Dal Théâtre de Chaillot

Russia-Ucraina: di chi è la Crimea?

Stories of Conflict

Reinhold Messner: il mio Sudtirolo