Loading

Israele: non si ferma l'espansione in Cisgiordania

ARTE Reportage

ARTE Reportage

Tutti i video

Sudafrica: la baia della solidarietà

ARTE Reportage

L'Islam tra Russia e Cecenia

ARTE Reportage

Messico: i desaparecidos del narcotraffico

ARTE Reportage

India: l'agricoltura 100% biologica nel Sikkim

ARTE Reportage

Israele: non si ferma l'espansione in Cisgiordania

ARTE Reportage

Somaliland: il paese che non esiste

ARTE Reportage

Malawi: una donna contro i matrimoni tra bambini

ARTE Reportage

Iraq: rap e street-art per rinascere

ARTE Reportage

Israele: non si ferma l'espansione in CisgiordaniaARTE Reportage

In programmazione dal 30/09/2021

Ogni anno, Israele costruisce decine di chilometri di nuove strade in Cisgiordania, cui si aggiungono tunnel, viadotti e parcheggi: investimenti enormi nei territori occupati, uno stimolo per i cittadini delle zone interne a stabilirsi in vere e proprie colonie-dormitorio, che risultano così ben collegate ai centri più grandi. Per un paese in espansione demografica, dove gran parte della popolazione è concentrata tra Tel Aviv e Gerusalemme, è una soluzione alla saturazione delle principali agglomerazioni; l'altra faccia di questa politica di riassetto territoriale, però, è l'inghiottimento inesorabile della Palestina.

Durata :

25 min

Disponibile :

Dal 08/10/2021 al 29/09/2051

Genere :

Documentari e reportage

Ti potrebbe interessare anche

Cina: la politica del figlio unico e i "bambini fantasma"

ARTE Reportage

Slow fashion: per una moda sostenibile

Re: sguardi sulla società

I video più visti su ARTE

Cina: la politica del figlio unico e i "bambini fantasma"

ARTE Reportage

Stromboli: la terra del fuoco

360° GEO

Alfredo Catalani: Edmea

Wexford Festival Opera 2021

Libano: 'guerra civile' per la benzina

ARTE Reportage

Afghanistan: i soldati dispersi dell'Armata Rossa

ARTE Reportage

L'angelo custode dei ricci in Piemonte

360° GEO

Centri di detenzione in Libia: la vergogna dell'Europa?

Angela Merkel in pensione: cosa ne pensano a Berlino?

Bye-Bye Merkel