ARTE

Finanziamento

Un finanziamento pubblico del 95 %

Il finanziamento del settore audiovisivo pubblico

Il 95% del finanziamento di ARTE proviene dal canone televisivo raccolto in Francia e Germania. La rete non può ricorrere alla pubblicità, ma ha la facoltà di sviluppare soluzioni proprie, in particolare tramite le sponsorizzazioni.

In Francia, il servizio pubblico è finanziato dai proventi del canone televisivo, che ammonta a 138 euro annui nella Francia continentale e a 88 euro nei dipartimenti d'oltremare. Esso è dovuto da chiunque possegga un apparecchio televisivo. Non vi sono attualmente assoggettati gli altri supporti che consentono di guardare i programmi televisivi, quali i computer e i tablet.
Il contributo è volto a finanziare gli enti pubblici radiotelevisivi che adempiono il compito di offrire al più ampio pubblico possibile una programmazione radiotelevisiva diversificata e di qualità allo scopo di educare, informare e distrarre (France Télévisions, ARTE France, Radio France, Réseau Outre-Mer 1ère, France Media Monde, Institut national de l’audiovisuel). Essi sono il polo di riferimento in materia di informazione, di creazione audiovisiva e di diversità culturale.

Cofinanziamento FESR

Il progetto di ottimizzazione dell’illuminazione della sede di ARTE GEIE è cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma operativo FESR (Fondo europeo di Sviluppo Regionale) 2014-2020.
L’obiettivo è ridurre il consumo di energia elettrica trasformando in tecnologia Led l’illuminazione del “grand studio” e delle lampade da terra degli uffici.

Costo preventivato del progetto: 523 465 €
Finanziamento del fondo FESR: 51 569.27 €
Finanziamento della Regione Grand Est: 51 569.27 €
Apporto di capitale proprio: 412 554.15 €