Loading

Francia: 'reportage' di un rifugiato afghano a Calais

ARTE Reportage

ARTE Reportage

Tutti i video

Sudafrica: la baia della solidarietà

ARTE Reportage

L'Islam tra Russia e Cecenia

ARTE Reportage

Messico: i desaparecidos del narcotraffico

ARTE Reportage

India: l'agricoltura 100% biologica nel Sikkim

ARTE Reportage

Israele: non si ferma l'espansione in Cisgiordania

ARTE Reportage

Somaliland: il paese che non esiste

ARTE Reportage

Malawi: una donna contro i matrimoni tra bambini

ARTE Reportage

Iraq: rap e street-art per rinascere

ARTE Reportage

Francia: 'reportage' di un rifugiato afghano a CalaisARTE Reportage

In programmazione dal 17/09/2021

Abdul fuggì dall'Afghanistan sei anni fa, trovando asilo in Francia. Nel corso della sua Odissea per la libertà, in cui per due anni ha varcato le frontiere di dodici paesi diversi, ha cominciato ad appassionarsi alla fotografia; ed è a Calais, sulle rive della Manica - l'inferno dove tanti disperati e irregolari tentano la traversata per raggiungere la sponda britannica - che immortala la miseria di questo mondo ai margini della società.

Durata :

13 min

Disponibile :

Dal 24/09/2021 al 15/09/2024

Genere :

Documentari e reportage

Ti potrebbe interessare anche

Francia: Calais, alle porte dell'esodo dei migranti

ARTE Reportage

Afghanistan: partorire nel caos

ARTE Reportage

Cina: la politica del figlio unico e i "bambini fantasma"

ARTE Reportage

Russia: il 'martire' Navalny e i suoi seguaci

ARTE Reportage

Slow fashion: per una moda sostenibile

Re: sguardi sulla società

I video più visti su ARTE

Cina: la politica del figlio unico e i "bambini fantasma"

ARTE Reportage

Stromboli: la terra del fuoco

360° GEO

Alfredo Catalani: Edmea

Wexford Festival Opera 2021

Centri di detenzione in Libia: la vergogna dell'Europa?

L'angelo custode dei ricci in Piemonte

360° GEO

Afghanistan: i soldati dispersi dell'Armata Rossa

ARTE Reportage

Alpi svizzere: soccorso aereo tra i ghiacci

360° GEO

Angela Merkel in pensione: cosa ne pensano a Berlino?

Bye-Bye Merkel