Barcellona: quando l'arte diventa torturaInvito al viaggio

8 min
Disponibile dal 04/03/2021 fino al 19/02/2023

Durante la Guerra civile spagnola (1936-1939) che oppone nazionalisti e repubblicani, a Barcellona il fronte delle sinistre è lacerato. In questo contesto, l’arredatore Alphonse Laurencic, unitosi agli anti-franchisti, viene arrestato per traffico di passaporti falsi e rinchiuso dai Comunisti nella prigione di Carrer Vallmajor, all’interno del convento di Santa Maria Magdalena. Da abile faccendiere qual è, si ingrazierà la polizia penitenziaria inventandosi un nuovo metodo di tortura “psicotecnica”: nelle checas, celle claustrofobiche simili a quelle dell'URSS, metterà a punto un sistema di straniamento dei prigionieri, ispirandosi all’arte della Scuola Bauhaus.


  • Paese :
    • Francia
  • Anno :
    • 2021