Loading
Lodz: l'altra capitale della Polonia
Invito al viaggio

Un patrimonio comune

Tutti i video

Le Geishe di Kyoto

Invito al Viaggio

Tallinn, capitale della paranoia sovietica

Invito al Viaggio

Lodz: l'altra capitale della Polonia

Invito al viaggio

Polinesia: navigatori delle stelle

Invito al viaggio

Belgio: la patria della birra

Invito al viaggio

La Provenza al tempo della Peste

Invito al viaggio

Ibiza: paradiso per hippie

Invito al viaggio

Un safari in Tanzania

Invito al viaggio

Lodz: l'altra capitale della PoloniaInvito al viaggio

Inconfondibile per via dei mattoni rossi delle sue fabbriche, Lodz (Polonia) divenne nel XIX secolo una delle capitali della Rivoluzione Industriale grazie all'imponente produzione tessile. Trasformata, in epoca sovietica, in un laboratorio di propaganda dove giovani cineasti avrebbero solidarizzato con gli operai, la città cadde in rovina dopo la caduta del Comunismo e la deindustrializzazione. Oggi, una giovane generazione di creativi prova a far rinascere la ex “Manchester polacca”.

Durata :

14 min

Disponibile :

Dal 19/01/2021 al 15/01/2023

Genere :

Documentari e reportage

Ti potrebbe interessare anche

Fumettiste arabe

Vento di rivolta (al femminile)

Le più belle foto di Parigi nella Belle Époque

L'origine del mondo, Gustave Courbet (1866)

Si prega di non toccare!

Leda e il cigno, di Michelangelo (1585)

Si prega di non toccare!

L'Olympia di Manet (1863)

Si prega di non toccare!

Il peccato originale, di Michelangelo (1508-1512)

Si prega di non toccare!

La lattaia di Vermeer (1658-1661)

Si prega di non toccare!

San Sebastiano, di Perugino (1495)

Si prega di non toccare!

I video più visti su ARTE

Fumettiste arabe

Vento di rivolta (al femminile)

Gli ippopotami di Pablo Escobar

360° GEO

Le più belle foto di Parigi nella Belle Époque

Ultimo giorno

Nella foresta del suicidio

Tokyo Paranormal (9/10)

Che fare delle statue controverse?

Ginnastica culturale

Afghanistan: un paese "accidentato"

Dietro le mappe

Elton John: la "Regina madre del pop"

TAPE

Queen: Freddie Mercury libera la cultura queer

TAPE