Il ritorno della tubercolosi in EuropaRe: Sguardi sulla società

Video successivo

33 min
Disponibile dal 30/11/2020 fino al 23/02/2021
Da quasi due anni Yevgeny vive in una stanza separata della clinica polmonare a Borstel, vicino ad Amburgo. Viene dall'Ucraina, a 22 anni ha contratto la tubercolosi - malattia che nell'Europa occidentale è stata sconfitta il secolo scorso. La situazione è diversa nell'Europa orientale, dove sono ancora molti i malati che devono affrontare trattamenti lunghi e dispendiosi.
Da quasi due anni Yevgeny vive in una stanza della clinica polmonare a Borstel vicino ad Amburgo, isolato dal mondo esterno. Le medicine gocciolano nel suo corpo nove ore al giorno. Ma ha accettato il suo destino.Yevgeny viene dall'Ucraina, a 22 anni ha contratto la tubercolosi. Dopo 10 anni di cure infruttuose nel suo paese d'origine, c'era solo un modo per non morire: partire per la Germania. Alla fine, il suo viaggio avventuroso lo ha portato a Borstel, al Leibnitz Lung Center, dove ha incontrato il professor Christoph Lange. Ora spera di poter tornare presto a casa dalla moglie Oxana, che vive nella città ucraina di Kharkiv.Non c'è invece quasi più speranza per Lena, di 32 anni. Anche lei vive a Kharkiv, e probabilmente morirà presto: non ci sono farmaci per lei.La tubercolosi è stata sconfitta in Europa occidentale verso la metà del XX secolo. In Germania oggi ci sono solo 5 casi ogni 100 mila abitanti. Ma per il professor Lange a Borstel la situazione è diversa: "Il numero di casi di tubercolosi assoluta nel mondo non è mai stato così alto", racconta. Nell'Europa orientale - in Russia, Bielorussia, Repubblica Moldova e Ucraina - le malattie che non sono ancora state sconfitte sono moltissime. Tantissimi, tra cui Yevgeny e Lena, contraggono una forma di tubercolosi, il cui agente patogeno è resistente alla maggior parte degli antibiotici. Il trattamento di questi casi richiede molto più tempo e costa un sacco di soldi. 

  • Paese :
    • Germania
  • Anno :
    • 2020