Re: Essere gay nel Caucaso
Operazione esfiltrazione

29 min

Nelle repubbliche caucasiche parte della Federazione Russa (Cecenia, Daghestan e ’Ossezia del Nord) essere gay è un crimine. Non secondo la legge dello stato, ma secondo quella della famiglia: per rimediare al disonore, padri, fratelli e cugini perseguitano i giovani omosessuali con l’obiettivo di farli sparire. Coloro che riescono a fuggire passano da Mosca dove Ruslan, che fa parte di un’associazione fondata a Parigi, trova loro rifugio, li protegge e li aiuta e espatriare verso la Polonia e poi l’Europa occidentale.


Paese :

Francia

Anno :

2018