La Brigata di Carta che salvò la cultura Yiddish

Riproduzione automatica

Video successivo

60 min
Disponibile dal 14/01/2020 fino al 19/02/2020

Nel 1941 i Nazisti trasformarono Vilna, allora popolata dal 60mila ebrei, in un centro di smistamento di libri, documenti e opere d’arte ebraici proveniente da tutta l'Europa dell'Est. Affidarono il lavoro agli intellettuali della “Gerusalemme di Lituania” che dovevano separare le opere rare, da inviare all’istituto di ricerca nazista sugli ebrei a Francoforte, da quelle meno importanti, destinate alla distruzione. Gli eroi della “Brigata della carta”, come venivano chiamati nel ghetto, riuscirono a nascondere e a salvare – almeno temporaneamente – migliaia di opere.

Grazie alla resistenza di Herman Kruk, militante del partito operaio ebraico, del linguista Zelig Kalmanovich, o ancora dei poeti Shmerke Kaczerginski e Avrom Sutzkever, questi tesori della cultura Yiddish sono oggi conservati nel nuovo YIVO (Istituto Scientifico Ebraico) di New York e alla Biblioteca nazionale di Lituania. La regista belga Diane Perelsztejn ne ha ritracciato la storia in questo documentario.


  • Regia :
    • Diane Perelsztejn
  • Paese :
    • Belgio
    • Francia
  • Anno :
    • 2018